S. Saturnino da Cagliari

S. Saturnino da Cagliari
San Saturnino da Cagliari è un santo molto venerato in Sardegna di cui si hanno però storicamente poche notizie certe. La Passio Sancti Saturni è il più antico documento sulle vicende del martire, redatto dai monaci Vittorini della basilica di San Saturnino a Cagliari nel primo trentennio del XII secolo, sulla base di testi più antichi. Secondo la copia quattrocentesca del manoscritto giunta fino ad oggi, il giovane Saturnino sarebbe stato decapitato per essersi rifiutato di offrire sacrifici agli dei pagani nell’anno 304, durante le persecuzioni di Diocleziano. Il racconto della Passione di San Saturnino di Cagliari ricalca però anche quello di un altro San Saturnino, vescovo di Tolosa, e di San Sergio. Sono state sollevate anche ulteriori ipotesi che vedrebbero in San Saturnino un martire africano venerato in Sardegna, dati i frequenti contatti tra l'isola e le regioni mediterranee del continente africano. Difficile però stabilire di quale Saturnino africano si tratti data la numerosità di Martiri con questo nome. San Saturnino viene festeggiato il 30 ottobre in particolar modo a Cagliari dove sono conservate le reliquie del Santo patrono della città.