S. Giovanna d’Arco

  • G57 Guglia lato nord
  • 30 Mag Francia.Santo Protettore: radiofonisti, telegrafisti Corona d’oro, Gigli, Spada
S. Giovanna d’Arco
In Francia, a Rouen, nella regione della Normandia, santa Giovanna d’Arco, la vergine detta la pulsella d’Orleans, dopo aver combattuto coraggiosamente in difesa della patria, fu consegnata nelle mani dei nemici, condannata con iniquo processo e bruciata sul rogo. Figlia di contadini, analfabeta, lasciò giovanissima la casa paterna per seguire il volere di Dio, rivelatole da voci misteriose, secondo il quale avrebbe dovuto liberare la Francia dagli Inglesi. Presentatasi alla corte di Carlo VII, ottenne dal re di poter cavalcare alla testa di un'armata e, incoraggiando le truppe con la sua ispirata presenza, riuscì a liberare Orleans e a riportare la vittoria di Patay. Lasciata sola per la diffidenza della corte e del re, Giovanna non poté condurre a termine, secondo il suo progetto, la lotta contro gli Anglo-Borgognoni; fu dapprima ferita alle porte di Parigi e nel 1430, mentre marciava verso Compiegne, fu fatta prigioniera dai Borgognoni, i quali la cedettero agli Inglesi. Tradotta a Rouen davanti a un tribunale di ecclesiastici, dopo estenuanti interrogatori, fu condannata per eresia ed arsa viva. Fu riabilitata nel 1456. Nel 1920 Benedetto XV la proclamò santa. Il nome Giovanna, di derivazione ebraica, significa “il Signore è benefico”, “dono del Signore”.