S. MARIA MAGGIORE
...

Basilica di Santa Maria Maggiore


Conosciuta come basilica invernale, assai più piccola di Santa Tecla e costruita con spesse mura e copertura a volte, proseguendo la tradizione già in atto con la Vetus costituì la seconda sede dell’unica cattedrale.
Milano per un millennio ebbe una cattedrale “duale”, alternandosi nelle due basiliche le celebrazioni liturgiche. Occupava all’incirca lo spazio poi dedicato alla navata maggiore del Duomo, era lunga una settantina di metri con l’abside attestata all’altezza dello scurolo di San Carlo.
Venne distrutta in gran parte un paio di volte, ricostruita e ampliata, via via demolita con il procedere del cantiere del Duomo. La sua facciata per due secoli divenne quella provvisoria della nuova cattedrale, che fu definitivamente abbattuta alla fine del XVII secolo.

Per saperne di più
Giulia Benati e Anna Maria Roda(a cura di), Il Duomo di Milano: dizionario storico artistico e religioso,Milano, NED, 2001