Cotognata
...
26 Giugno Giu 2015 1000 one year ago

Cotognata, un fresco dolce estivo

Le ricette di San Isidoro


Adotta la guglia di San Isidoro 



Passeggiando sulle
Terrazze del Duomo di Milano insieme a San Isidoro, si possono scorgere moltissime decorazioni che richiamano frutti e verdure. Tra questi, troviamo testimonianza dell’uso che già nel Medioevo si faceva delle mele cotogne.Da questo frutto molto particolare, che non può essere consumato appena colto, ma se ne deve attendere la maturazione perché ne aumentino gli zuccheri, si ricava la Cotognata, un goloso dolciume di cui oggi San Isidoro ci rivela la ricetta.

Ingredienti:

1kg mele cotogne

1kg di zucchero

1 limone

Acqua q.b.

Ricetta:

Lavare accuratamente le mele, tagliarle a pezzi uniformi e non troppo piccoli.

Portare a ebollizione una pentola capiente piena d’acqua; lavare e tagliare in due un limone da immergere nell’acqua bollente insieme alle mele. Coprire e lasciare cuocere a fiamma bassa per 30-40 minuti; quando le mele risulteranno abbastanza morbide, spegnere il fuoco e lasciar raffreddare.

Spellare le mele una volta fredde, eliminando i torsoli; passarle poi in un setaccio a maglia fitta e raccogliere in una pentola la purea ottenuta. Incorporare lo zucchero e stemperare con un mestolo di acqua di cottura filtrata. Mettere di nuovo la pentola sul fuoco a fiamma bassa e mescolare continuamente.

Una volta completata la cottura, bagnare degli stampini in terracotta con dell’acqua e versare all’interno la purea di mele, livellando la superficie per renderla compatta.

Lasciare le formine al sole per qualche giorno, di modo che il composto si solidifichi e la parte superiore si asciughi. Girare poi il composto ed esporre la parte sottostante.

Ottime da consumare con una fetta di pane fatto in casa.