Guglia Cabrini Con Logo PATRONS
...
19 Maggio Mag 2015 1400 2 years ago

International Patrons of Duomo di Milano ha adottato la Guglia di Madre Cabrini

La guglia sarà dedicata a International Patrons of Duomo di Milano e ai donatori, che hanno aderito alla campagna Save the Saint.

International Patrons of Duomo di Milano  è una public charity, che si propone di promuovere negli Stati Uniti d’America una maggiore conoscenza e comprensione del patrimonio storico, artistico e culturale del Duomo di Milano; inoltre essa si propone di raccogliere liberalità per sostenere la conservazione, il restauro e la valorizzazione della Cattedrale milanese.

Grazie alla campagna di crowdfunding Save the Saint, conclusasi lo scorso 1 maggio, International Patrons of Duomo di Milano ha raccolto i fondi necessari per l’adozione della guglia dedicata a Santa Francesca Cabrini, la prima cittadina americana ad essere proclamata santa, conosciuta come la “Madre dei Migranti”. Madre Cabrini è il simbolo del legame che da sempre unisce Milano e gli Stati Uniti. Da sempre questa straordinaria donna si è occupata della comunità Italo-americana e dei più bisognosi, fondando scuole e orfanotrofi attraverso tutti gli Stati Uniti. In occasione della sua canonizzazione, nel 1956 una sua statua è stata collocata su una delle 135 guglie del Duomo di Milano. Da allora guarda la città dall’alto creando un ponte ideale tra Milano e New York.

L’obiettivo di $150,000 è stato superato grazie alla generosità di NIAF – The National Italian American Foundation, Fondazione Berti per l'arte e la scienza onlus, oltre ai tanti contributi dei “patrons” oltreoceano.

La guglia di Madre Cabrini sarà dedicata a International Patrons of Duomo di Milano e ai donatori, che hanno aderito alla campagna Save the Saint.

Questo primo importante traguardo è stato festeggiato, insieme a diversi rappresentati delle istituzioni italiane e Newyorkesi, lo scorso 5 maggio con un luncheon al Lotos Club intitolato “Points of View” che ha visto come madrina la Baronessa Zerilli Marimò e come special guest il professor Antonio Monda, che ha tenuto una conversazione sul tema Arts and Artists in the long lasting relationship between Milan and New York.

Scopri di più su: www.duomopatrons.org

Leggi l’articolo del New York Times