News Aug 2
...
27 Gennaio Gen 2015 0900 one year ago

Terzo appuntamento con la rubrica Storie di Donatori

Questo mese una poesia della scrittrice Ella Torretta che si ispira ad un’antica leggenda legata alla Madonnina

Ritorna l’appuntamento con la rubrica Storie di Donatori.
Questo mese una poesia della scrittrice Ella Torretta che si ispira ad un’antica leggenda legata alla Madonnina. 

La Madonnina de la Nev

On temp la Madonnina
l’era minga indorada.
Sola, tra i bricch la stavae
d’on mantell de nev
a stell l’era quattada!

La sera de Natala
l tòcch de mezzanòtt
sul Dòmm la compariva
candida, brasc avert
per benedì la gent
la nev la sparpajava.

On Re, caregaa d’ òr
perduu la trebisonda
sentend parlà Ambrosian,
el fa settà i cammei,
el ved ‘na lus in ciel
bianca che sberlusiss
pussee de milla stell,
el voeur savè se l’è...
se hinn sti parpai bianch
mai vist al sò paes!

On Angiol ch’el passava
el dis:... “L’è la Madònna,
quattada de candor,
rivada chì stanòtt
dai scimm de la montagna!
Intant che la viaggiava
in ciel, i stell correven
adree al sò mantell
e Lee ie trasformava
in fiòcch legger de nev”.

El Re, restaa infadaa,
el dis ai servidor
de scaregà tutt l’òr
e impienì on quai sacch
con sti ricamm gelaa.

On maragnoeu de òr
el resta in sul Pasquee...
On gasaghee de gent
se rusa per vedè...

In quella on ventisell
per fà intòrt a nissun,
el boffa via tutt l’òr
che spantegaa in del ciel
l’indòra la Madònna.

D’inverno, quand la po',
per ricordà dove l’era,
la manda ai Milanes
benedizion coi fiòcch,
ricamm a stell de nev!

Ella Torretta

La Madonnina della Neve

Un tempo la Madonnina
non era indorata.
Sola  stava tra le montagne
e da un mantello di neve
a stelle era coperta!

La sera di Natale
al tocco di mezzanotte
sul Duomo appariva
candida, braccia aperte
per benedire la gentel
a neve spandeva.

Un Re, carico d’oro
perso l’orientamento
sentendo parlare Ambrosiano,
fa sedere i cammelli,
vede una luce in cielo
bianca che luccica
più di mille stelle,
vuole sapere cos’è...
cosa sono queste farfalle bianche
mai viste al suo paese!

Un angelo che passava
dice: ….“È la Madonna,
coperta di candore,
giunta qui questa notte
dalle cime della montagna!
Mentre era in viaggio
in cielo, le stelle correvano
dietro al suo mantello
e Lei le trasformava
in fiocchi leggeri di neve”.

Il Re, rimasto meravigliato,
dice ai servitoridi scaricare tutto l’oro
e riempire qualche sacco
con questi ricami gelati.

Un mucchietto di oro
rimane sul Sagrato...
Un frastuono  di gente
si spinge per vedere...

Frattanto un venticello
per non far torto a nessuno,
soffia via tutto l’oro
che sparso in cielo
indora la Madonna.

D’inverno, quando può,
per ricordare dove era,
manda ai Milanesi
benedizioni coi fiocchi,
ricami a stelle di neve!

Ella Torretta

Invia la tua storia a donazioni@duomomilano.it.